Nota importante

Romolo Battistello, Presidente del Bacino Astico Leogra, comunica le misure governative e regionali

di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, in applicazione del DPCM 2 marzo 2021

e del Decreto-Legge n.44 del 1 aprile 2021.

ATTIVITA’ DI PESCA CONSENTITA IN VENETO NELLE VARIE FASCE DI COLORI

Vai al testo integrale

È in linea il nuovo libretto

“PESCA 2021”

Egregi Direttori e Comandanti, gentili Presidenti,
preso atto delle intervenute modifiche alle linee guida della regione del Veneto: Principali regole relative alle zone rosse”, con la presente a parziale rettifica della nota prot. n. 120857 del 16/03/2021 si comunica che: la pratica della pesca ricreativa e sportiva è consentita esclusivamente all’interno del comune di residenza, in forma individuale, osservando il distanziamento sociale imposto dalla normativa vigente e l’uso della mascherina. Non è consentito, quindi, usare mezzi per spostarsi fuori dal comune per svolgere l’attività sportiva non praticabile nel proprio comune. Sono consentiti esclusivamente gli eventi e le competizioni sportive organizzate da Federazioni Sportive Nazionali e Discipline Sportive Associate, riconosciute di preminente interesse nazionale dal CONI e dal CIP, che si tengano all’aperto o al chiuso, senza pubblico. Sono consentiti gli allenamenti degli atleti, professionisti e non professionisti, partecipanti agli eventi e alle competizioni di preminente interesse nazionale consentite dalla norma, a porte chiuse e nel rispetto dei protocolli (http://www.sport.governo.it/it/emergenza-covid-19/lo-misure-per-lo-sport-nellequattro- aree-di-rischio). Restano, in ogni caso, impregiudicati gli obblighi relativi all’osservanza delle norme comportamentali e di sicurezza individuale finalizzate al contrasto della diffusione del virus SarS-cov2, denominato Covid 19.
Distinti saluti.
Il Direttore
Dott. Gianluca Fregolent

NEWS

FIOPS – Federazione Italiana Operatori Pesca Sportiva

USCITE LE NUOVE FAQ – LA PESCA SPORTIVA TORNA ATTIVITÀ SPORTIVA A TUTTI GLI EFFETTI

✅   UNA VITTORIA DI FIPSAS E FIOPS

▶   Eliminata la contraddizione tra le faq in materia di pesca sportiva presenti sul sito del Dipartimento dello Sport della Presidenza del Consiglio ( www.sport.governo.it ) e quelle nel portale del Governo dall’altro (www.governo.it).

▶   La Faq n. 8 del Dipartimento dello Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri pubblicata il 10 novembre 2020 è stata sostituita dalla Faq n. 32. In questa l’espressione riduttiva ‘pesca di superficie’, utilizzata nella precedente faq, è stata sostituita finalmente da ‘pesca sportiva’, ricomprendendo formalmente e senza necessità di alcuna interpretazione tutti i tipi di pesca sportiva, ivi compresa la pesca subacquea.

http://www.sport.governo.it/it/emergenza-covid-19/faq/…

▶   In tale FAQ è specificato ciò che è consentito in materia di pesca sportiva individuale e agonistica nella zone gialle, arancioni o rosse.

▶    Come si evince dalla formulazione del testo, la pesca sportiva, proprio perché espressamente qualificata come attività sportiva, al pari di tutte le attività sportive, è praticabile – salvo ordinanze più restrittive di carattere regionale:

i) nelle zone gialle a livello regionale,

ii) nelle zone arancioni nel proprio comune senza necessità di munirsi di autocertificazione, mentre fuori dal proprio comune con autocertificazione (naturalmente, valgono anche in questo caso le regole prudenziali che suggeriscono non solo di limitare all’indispensabile gli spostamenti, ma anche di effettuarli, di massima, raggiungendo il luogo più vicino dove comunque sia possibile la soddisfazione della propria esigenza).

iii) nelle zone rosse nel proprio comune con autocertificazione.

▶   Sul sito del governo invece è stata modificata la Faq comparsa il 15 novembre che, parificando la pesca sportiva all’attività venatoria, la vietava nelle zone rosse anche nel comune di residenza e la consentiva nelle zone arancioni limitatamente al comune di residenza.

Nella nuova formulazione di tale faq è stato eliminato qualsiasi riferimento alla pesca sportiva.

http://www.governo.it/it/articolo/domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/15638?fbclid=IwAR2OO45ncF99zeQHUY2jCSy_2XIkec80sgYnHxqEsvpDR5N7L8of4MQ0aK0

✔ Da tempo Fipsas e Fiops avevano rilevato la contraddittorietà delle faq.

Ringraziamo, in particolare, il Direttore del Dipartimento Sport della Presidenza del Consiglio Dott. Pierro, che in queste settimane è stato in contatto continuo con il Presidente della Fipsas Prof. Ugo Claudio Matteoli e che ha sempre sostenuto , anche con atti ufficiali, la nostra posizione.

▶   Ora vigileremo affinché non vi siano diverse interpretazioni da parte delle forze dell’ordine in merito e solleciteremo le regioni a non adottare ordinanze più restrittive.

▶   Abbiamo sempre sostenuto che la pesca sportiva è un’attività sportiva a rischio zero in termini di contagio, in quanto praticata individualmente e con naturale distanziamento sociale.

▶   Il risultato, va a vantaggio di tutti i pescatori, tesserati o non tesserati.

▶   Per quanto riguarda i negozi che vendono articoli sportivi, invece, ci risulta essere oggetto di un confronto avanzato presso il Ministero dello Sviluppo Economico in merito al riconoscimento dei ristori la sostituzione del criterio basato sul codice Ateco con quello dei calo reale del fatturato. Anche questa richiesta era stata avanzata formalmente al governo nelle settimane scorse dalla Fiops in accordo anche con la Fipsas.

▶   Non mancheremo di comunicarvi in maniera dettagliata ogni aggiornamento che avremo anche su questo fronte.

BENVENUTO

A.S.D. Bacino Astico Leogra è un’associazione noprofit dedita alla promozione della pesca ricreativa nelle acque del Bacino Astico Leogra. La gestione per delega della Provincia di Vicenza, è curata da un consiglio direttivo composto da un presidente, da dodici consiglieri e da un collegio dei revisori dei conti formato da tre persone. Presidente, consiglieri e revisori rimangono in carica per 5 anni e vengono eletti dai soci. L’Associazione ha un proprio Statuto che delinea le sue linee guida di condotta, e può essere modificato in sede di Assemblea Straordinaria. Attivita’ dell’associazione sono il ripopolamento delle acque in concessione tramite le immissioni di avvannotti, trotelle e trote adulte nelle zone di Pronta Cattura, il recupero del pesce  nei tratti in secca, monitoraggio della fauna ittica presente nei corsi d’acqua. Sorveglianza delle acque. Per queste attivita’ L’associazione si avvale del volontariato del Presidente, dei consiglieri, dei soci e si avvale anche della collaborazione di tecnici del settore della Regione Veneto e della Provincia di Vicenza.

Vieni a visitare i nostri splendidi luoghi !